Il Movimento Sei Luglio non ha preso mai in considerazione tale ipotesi, ad ogni modo prendiamo atto che, in proposito, il Consiglio di Stato esclude radicalmente anche lassunzione a tempo indeterminato nella qualifica di giudice onorario (sarebbe «un ossimoro.
Alla retribuzione lorda dovranno essere sottratti oltre allimposta sul reddito, anche i contributi da versare alla gestione separata inps o alla Cassa Nazionale Forense.
Mettere insieme questa previsione polizza premio unico rendita immediata con quella che attribuisce al ministero della Giustizia il potere di stabilire il budget a disposizione di ogni singolo ufficio per retribuire i magistrati onorari, ed ecco che tutto diventa chiaro.Il problema è un altro.Il mantenimento dellattuale numero dei magistrati, a cui riconosciamo maggiori responsabilità rispetto alle nostre per le funzioni ad essi riservate, è possibile, tuttavia, solo a condizione che non si continuino a sacrificare le nostre tutele.Non è questa la sede, per ragioni di tempo, per indicare analiticamente le sgrammaticature costituzionali della legge (a partire dal rilievo che si tratta di una legge delega in bianco).La tutela previdenziale ed assistenziale deve tener conto della circostanza che il rapporto dei magistrati onorari con lamministrazione della giustizia non è esclusivo ma compatibile con lo svolgimento di altre attività professionali e che il regime retributivo non è omogeneo per tutti i magistrati onorari.Tanto è vero che il Governo, nellindicare i giudici non-professional, ha omesso di indicare proprio i giudici italiani sicuramente classificabili in questa categoria (i giudici onorari presso le Commissioni Tributarie e le sezioni specializzate agrarie, esperti di Sorveglianza, componenti degli organi giudiziari per i minorenni.Si tratta di una iniziativa unitaria indetta per affermare che i magistrati onorari sono anzitutto lavoratori, per rivendicare tutti i diritti conseguenti e denunciare la violazione di tutte le direttive UE relative al rapporto di lavoro subordinato, in linea con i rilievi già formulati nei.In una celebre pagina Croce, ammiratore di Machiavelli e di Marx per la loro concezione realistica della politica, svolge il tema dell«onestà politica cominciando il discorso con queste parole che non hanno bisogno di commento: «Unaltra manifestazione della volgare inintelligenza circa le cose della politica.



Per quanto, dunque, la questione morale si ponga in tutti i campi della condotta umana, quando viene posta nella sfera della politica assume un carattere particolarissimo.
Motivo: il 31 maggio scade il termine di proroga dei magistrati onorari.
Invece, nella relazione sullo stato della giustizia per lanno 2016, il ministro rende noto che il secondo decreto attuativo della legge delega 57/2016 stabilisce che in futuro i magistrati onorari dovranno «di regola» essere impiegati un giorno alla settimana.
I lavori sono stati aperti dal Procuratore Nazionale Antimafia.
È chiaro, infatti, che lindicazione di due giorni lavorativi continua a essere un inganno: in base allorganico previsto (8000 unità per continuare a coprire la produttività attuale, i magistrati onorari, seppure ufficialmente impegnati due giorni, per il resto della settimana saranno costretti a lavorare fuori.E non ci si deve domandare, se i mezzi cattivi non corrompono per avventura anche i fini buoni? A questo punto invitiamo alla massima attenzione, perché i criteri erano piuttosto stringenti.Infatti nei modelli da inviare allinail dovrà essere lasciato in bianco lo spazio riservato al «numero dei dipendenti occupati dalla ditta perché si legge nella circolare - «non è ravvisabile, dovendo piuttosto essere escluso, un rapporto di lavoro dipendente».Lintervista è ingannevole più di tutto nel fare passare il messaggio che ai magistrati onorari adesso spettano i contributi previdenziali.